Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

Incontro con Giorgio Biferali.

Contenuto in: 

“Mi mancherà Roma, con i suoi sbalzi d’umore, il suo mese di marzo, che di giorno sembra estate e di sera autunno. […] Mi mancherà Silvia, che mi ha fatto sentire che avevo un cuore, che mi ha fatto vedere il mondo nei suoi occhi, che è un posto che nessuno conosce, che negli occhi aveva due lampioncini illuminati quando mi guardava, quando ci siamo innamorati.”

Queste sono le prime parole contenute nell’incipit del nuovo libro dell’autore Giorgio Biferali “L’amore a vent’anni”. Lo scrittore, ospite della Rassegna “Autori in Comune” realizzata dalla collaborazione tra l'Associazione Culturale MediterrArte e il Comune di Crotone, Assessorato alla Cultura, ha incontrato gli studenti del 4°B del Liceo Classico, accompagnati dalla prof.ssa Giuliana Vrenna, e di altre classi provenienti dal Liceo “G.V.Gravina” e dall'I.t.i. “G.Donegani”, al Museo Giardini di Pitagora sabato 21 Aprile. Parlare di amore è semplice, sostiene l'autore romano, come parlare di Roma, ma è ancora più semplice scadere nel banale. Il giovane scrittore difatti nasce a Roma nel 1988, ed è l’amore per la propria città che lo spinge a nobilitarla ed esaltarla in tutte le sue peculiarità. Tiene particolarmente a descrivere una Roma che va oltre gli stereotipi romantici che solitamente uniscono il sentimento alla città. Con le sue descrizioni minuziose riesce a conferire nuovi significati a luoghi che ormai avevano perso la loro importanza semantica. Perciò egli sente la necessità di estraniarsi dalla città e viverla come se fosse non un turista, specifica, ma una persona che contempla per prima volta il luogo, allo scopo di cogliere ogni dettaglio per trasmetterlo in seguito ai lettori che hanno intenzione di conoscere la capitale italiana da un lato completamente differente. Lo scrittore, persona alla mano e simpatica, ha elencato ironicamente dieci buoni motivi per i quali non leggere il proprio libro. Tra questi anche il carattere nostalgico che lo caratterizza e i sintomi della cosiddetta sindrome da Peter Pan, ovvero di chi non ha voglia di crescere. Ma è proprio questo desiderio che conferisce significato a tutto il libro, quasi come se fosse un filo conduttore. Amore e crescita camminano di pari passo. L’amore ci accompagna nella crescita, ciononostante non muta col passare del tempo. L’amore è quel sentimento che ci fa sentire giovani, che ci rende bambini perché soddisfatti e contenti delle piccole cose. L’amore non ha età, non ha importanza se vissuto in anni teneri o venerandi, i sentimenti e gli effetti benefici, sostiene Biferali, rimarranno sempre invariati. Nell'incontro è stato dato ampio spazio anche alle modalità di scrittura dell'autore. Dopo aver ammesso di avere un debole per gli oggetti di cartoleria, racconta di trarre spunto dalla vita quotidiana per la composizione delle sue opere e di quanto sia importante per lui stare a contatto con le persone per ispirare le sue riflessioni. Parte del libro, quindi, trae spunto da avvenimenti, ricordi d’infanzia, musica, cinema, pensieri personali e altrui rielaborati e rimescolati in seguito, per riunirli in un racconto perfettamente organico. La personalità dell’autore romano, perciò, è possibile riconoscerla nei singoli personaggi e in particolar modo nel protagonista, Giulio. “E’ meglio l’amore di un tempo o dei giorni nostri?” Dopo aver passato in rassegna i pro e i contro dei progressi tecnologici avvenuti negli ultimi 20 anni, Biferali risponde a quest’ultima domanda sostenendo che grazie ai social network è diventato importante e speciale ricevere anche una semplice lettera. L’amore era bello prima, sostiene, ma lo è altrettanto oggi. Il libro invita a godere e a vivere l’amore a prescindere dagli esiti che riserva e si augura di dare un po’ di colore al quotidiano di ogni lettore.

Alessia Federico 4°B

Giorgio Biferali

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

Webmaster Emilio Pisani