Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

Il Pitagora alla festa del PNSD

Contenuto in: 

Anche il Liceo Classico Pitagora di Crotone, insieme a tante altre scuole italiane, ha partecipato agli eventi “festa del PNSD” organizzati dal MIUR a Bologna con lo scopo di fare il punto su due anni di attuazione del PNSD.

Dal 18 al 20 gennaio il monumentale palazzo Re Enzo, ed alcuni edifici circostanti come la Biblioteca Salaborsa, il palazzo comunale, la piazza stessa del Nettuno e parte di Piazza Maggiore, si sono trasformati in ambienti digitali con stands, workshops, conferenze, dibattiti, spettacoli e attività e iniziative per far vedere come la scuola italiana sta cambiando.

I docenti Antonio Laterza ed Emilio Pisani, rispettivamente membro del team digitale e animatore digitale del Liceo Classico Pitagora, hanno partecipato attivamente all'iniziativa per formarsi e confrontarsi con attività ed iniziative delle altre scuole.

Il clima è stato molto cordiale e allegro con tanti docenti e alunni impegnati a illustrare pazientemente al pubblico le loro buone pratiche. Tanti gli stimoli e le cose interessanti da vedere: robot programmati a ballare o a suonare la chitarra, robot in grado di aiutare la polizia a manipolare ordigni, esibizioni di arte e cultura digitale, conferenze su come progettare nuovi ambienti per la scuola, workshops sul coding o sul tinkering per le scuole primarie.

Alcune sale hanno ospitato gruppi di studenti impegnati a simulare i processi decisionali e negoziali che si svolgono a livello governativo, altre ad illustrare le buone pratiche realizzate da alcune scuole. Una delle cose più interessanti sono state le cosiddette edububbles, cioè delle piccole tende circolari e trasparenti montate all'esterno nella piazza, con all'interno tavoli e sedie di cartone per poche persone, ma attrezzate con smart TV, computer e wifi. I proff. Laterza e Pisani hanno partecipato ad un interessante workshop tenuto nella edububble “Re Enzo 1” dalla prof.ssa Silvia Pirini Casadei, che ha condiviso la sua esperienza davvero innovativa di CLIL. Esperienza affascinante è stata anche quella del workshop tenuto da Paola Lisimberti e Mimmo Aprile su come utilizzare Telegram nella didattica in cui i docenti hanno mostrato come creando dei bot (in pratica dei robot digitali) in Telegram, si possono mettere a disposizione degli utilissimi strumenti di supporto didattico. Ad esempio quello sulla “Divina Commedia” che, se interrogato, visualizza immediatamente un canto o le terzine che si vogliono, in modo che gli alunni le abbiano sempre nel loro smartphone. Oppure un altro sulla “Costituzione”. L'utilità di questi bot è anche in vista della valutazione: infatti gli alunni possono essere interrogati avendo a disposizione solo il materiale (le terzine o gli articoli della costituzione) senza alcuna nota o commento. L'auspicio è quello di crearne anche di nostri, come un glossario filosofico o il dizionario Latino-Inglese utile per l'indirizzo “Cambridge”.

Nella sezione “Risorse per docenti” del sito della nostra scuola a breve il prof. Pisani metterà a disposizione tutto ciò che ha reperito come materiale da condividere con il corpo docente (ad es. i bot sulla Divina Commedia e sulla Costituzione, il percorso CLIL, ecc.).

Altre buone pratiche hanno favorevolmente colpito i proff. come quella realizzata dal Liceo Statale "G. Giolitti – G.B. Gandino" (sito web http://www.liceidibra.com). Il progetto intitolato "Da Omero alla web serie" che consiste nel prendere dei personaggi dell'epica come Cassandra o Patroclo e attualizzarli facendoli diventare personaggi di oggi. Il lavoro ha portato alla realizzazione di cortometraggi realizzati dagli studenti. Un'altra è il progetto realizzato dall'I.S.I.S. Europa di Pomigliano d'Arco (Na) i cui gli studenti sono stati in grado di creare una virtualizzazione 3D della Reggia di Caserta (link: www.reggiadicasertavirtuale.it ). Attività da cui prendere esempio per il nuovo indirizzo “Aureus” presente nel Liceo Pitagora.

In conclusione, al di là della spettacolarizzazione di robottini meccanici intelligenti, in grado di evitare gli ostacoli, sicuramente tante sono state le proposte di “buone pratiche” adatte a migliorare la qualità dell'insegnamento anche in istituti come il Liceo Classico orientato a formare i cittadini della società di domani.

Album fotografico

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

Webmaster Emilio Pisani